home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Anche l’informazione dei quotidiani contribuisce a promuovere la sicurezza

Anche l’informazione dei quotidiani contribuisce a promuovere la sicurezza

di Sabrina Caiani - SINA

Avere dei bambini che sbattono qua e là o che vengono addirittura sparati fuori dalle macchine, è un rischio da cui la nostra società dovrebbe rifuggire a pelle. Più in generale, si dovrebbe rifuggire ogni situazione in cui si possa morire o si possano avere delle ferite gravi per semplice disattenzione o per ignoranza. Sicuramente i genitori ci tengono ai loro figli, ma spesso non riescono ad esprimere quei comportamenti che concretamente li proteggono.
Perché non riescono a proteggerli? Probabilmente non hanno la percezione del rischio, anche perché non sono informati sulle cause che stanno alla base o rendono gravi gli incidenti. Gli incidenti avverranno sempre: è inevitabile che le persone siano stanche, si distraggano, facciano degli errori, ecc. Quello che si può cercare di fare è evitare che tali incidenti abbiano delle conseguenze gravi o letali. Per questo è importante che siano conosciute quelle cause (evitabili) che rendono gravi gli incidenti che inevitabilmente avverranno (es. di cause evitabili: velocità, cinture di sicurezza, ecc.). A questo tipo di informazione la stampa può contribuire in modo determinante, nella misura in cui riesce ad informare il grande pubblico sulle ragioni per cui gli incidenti accadono.
Ad esempio, questo è un articolo ben fatto che, sin dai titoli, coglie l’occasione di un evento grave per informare correttamente sui rischi che corrono gli utenti (in questo caso le mancate cinture per la bambina).

602. Ecco un articolo che promuove la sicurezza 2

Spesso vediamo invece articoli che dalla titolazione ai contenuti rimandano a contenuti generici se non addirittura fuorvianti (es. nebbia killer, autostrada di sangue, ecc.) che non solo perdono l’opportunità di promuovere la sicurezza tramite la conoscenza di quanto è accaduto nei casi reali, ma forse perdono anche il filo di quella che è stata la vera notizia …

Ad esempio, qualche tempo fa era morta una bambina di 4 anni sull’autostrada vicino a Varazze sparata fuori dalla macchina come nella vignetta di Autostradafacendo. La bambina è stata addirittura travolta dalla stessa macchina del padre. Potete cercare in rete questa notizia (qui sulla Stampa, qui su Savona news, qui sul Corriere). Non si riescono a trovare in modo chiaro ed evidente concetti del tipo “Bambina sparata fuori dalla macchina. E le cinture?” oppure “Perché i passeggeri sui sedili davanti non si sono fatti male? Avevano la cintura solo quelli davanti?”. Purtroppo, questo tipo di richiamo, è difficile da trovare sulla stampa anche se contribuirebbe molto ad avere cittadini più consapevoli, non grazie alla scienza, ma grazie all’informazione. Bene ha fatto Il Secolo con quest’ultima notizia.

Ultimi articoli

28 novembre 2022

28/11/2022
di antonio.antonelli@gmail.com

L questo ha dimensione standard orem ips solo bold um dolor sit amet, conse solo sottolineato ctetur adipiscing elit, sed… Leggi >>

28/11/2022
di antonio.antonelli@gmail.com

‘Sulla necessità di procedere alla firma di ordinanze per l’abbattimento di case (grassetto prima e sottolineato dopo) abusive, soprattutto quelle… Leggi >>

Prova editor classico 02

25/11/2022
di claudio.gombi@sina.co.it

SINA, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Milano, invita alla formazione aziendale (Formazione a distanza sincrona) organizzata attraverso due… Leggi >>

Prova Gutemberg 01

25/11/2022
di claudio.gombi@sina.co.it

SINA, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Milano, invita alla formazione aziendale (Formazione a distanza sincrona) organizzata attraverso due… Leggi >>

“Se ci imbattiamo in un incidente”: la Polizia di Stato ed Autostradafacendo sostengono l’iniziativa di Fraternità della Strada – Mondo X

31/08/2020
di Simonetta Sanasi - SINA

La locandina “Come comportarsi se ci imbattiamo in un incidente”, così ben curata graficamente da Gigi Vitale e Barbara Raffelli… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>